VISITIAMO SAN CANDIDO

Venerdì 22 giugno 2018

Il sole splende in maniera così spettacolare oggi! Conviene allora fare la bella camminata programmata per San Candido (Innichen). Dopo colazione, durante la formazione Sister descrive Edmund e il suo tradimento nel confronto dei fratelli. La cosa inaspettata che succede è quest: Aslan offre la sua vita al posto di quella di Edmund. Chi l’avrebbe mai immaginato? Il re perfetto, senza macchia o debolezza, soffre la morte al posto del ragazzo. Concludiamo con la preghiera del mattino e con l’impegno di non tradire mai i nostri amici e di non parlare mai in maniera negativa nei loro confronti. Un amico è amico per sempre e deve essere sicuro di noi. Deve poterci rivelare dei segreti che gli stanno a cuore ed essere sicuro che non li riveleremo mai a nessuno. Facciamo una lista di chi ci è davvero amico e scriviamo le sue qualità.
Pronti per l’uscita? Sì! Dato che la camminata è di circa 5 km, Sister decide di farci prendere il trenino al ritorno. Anzi, i piccoli lo prendono all’andata e al ritorno! Facciamo i biglietti direttamente alle macchinette. La stazione di Toblach è molto bella, tutta in legno con le insegne in ferro battuto. I piccoli con Sister e Serena prendono il treno che va a Lienz e scendono a San Candido. Dalla stazione c’è una piacevole camminata per il centro. Strada facendo Sister si ferma a chiedere informazioni alla Stazione della Seggiovia che porta ai Baranci. Guadiamo con attesa lo scivolo dove i bob fanno un kilometro di discesa. Noi ci verremo martedì se il tempo sarà bello!
Al centro di San Candido incontriamo tutto il gruppo di ragazzi con le Miss e i Mister e visitiamo il centro. Due bellissime chiese ci attirano. La più antica è la chiesa collegiata la cui costruzione è iniziata intorno al 1143 con la collaborazione di architetti lombardi sopra i resti di una precedente chiesa benedettina dell'8° secolo, di cui però oggi non rimane quasi nulla. Ancora prima dell'anno 1000, questa chiesa fu sostituita da una costruzione più grande, di cui rimane la cripta sotto il presbiterio che vediamo oggi. Nell'anno 1200 la chiesa fu ridotta in cenere da un incendio insieme alla località di San Candido. In seguito fu costruita l'odierna Chiesa Collegiata, che fu consacrata nel 1284. La torre campanaria fu eretta tra il 1320 e il 1326. Si tratta di un edificio romanico. L’organo, del 1628/29, è opera di Andreas Putz, che mantiene la sua forma originale con le ali dipinte e le sculture decorative intagliate nel legno. La seconda chiesa è la parrocchia di San Michele Arcangelo, chiesa in barocco tirolese, rimaneggiata più volte nel corso dei secoli.
Il Centro Storico di San Candido presenta alcune perle artistiche che fanno di questo piccolo comune dell’Alta Pusteria un luogo interessante anche da un punto di vista culturale. Il cuore del comune, ricco di storici hotel, negozi e botteghe artigiane, è quasi tutto riservato al passeggio pedonale.
Sister compera un lecca lecca per ciascuno e bambini e ragazzi acquistano ricordini nei negozi. Sono molto disciplinati e ben seguiti dalle nostre preziose giovani Miss. Ritorniamo con il treno che va a Fortezza e scendiamo a San Candido. Che fame! Dopo le verdure crude e cotte abbiamo una portata gigantesca di cannelloni al formaggio. Semplicemente squisiti! Arrivano i bis e i tris! Come dessert abbiamo una buonissima torta con le fragole e la panna.
Nel pomeriggio, una dopo l’altra, ci sono: le attività didattiche, una mega merenda con pane e mortadella e salame, ricreazione, di nuovo attività didattica e coro. Serena ha sempre una fila di fans che vogliono lavorare al telaio e non c’è momento senza che qualcuno sia al telaio e Serena a spiegare e a seguire i lavori. Una sorpresa: durante il coro Sister va nel Foyer della Sala Gustav Mahler e chiede se i nostri bambini e ragazzi possono cantare, mentre gli spettatori entrano in teatro, un paio di canti. Il personale dice che va benissimo e così, dopo la cena, che ci presenta pollo arrosto e patate al forno, oltre le nostre verdure e il dessert di semifreddo all’amaretto, ci mettiamo in fila sui gradini del teatro e cantiamo Winter Song e You raise me up, Applausi e soddisfazione concludono la serata. La buonanotte è stata data a tavola dopo cena perché questa sera c’è una early night dato che domani ci dobbiamo svegliare presto. Infatti domani andremo in Austria, vicino Innsbruck, al Museo Swarovski!

File Iconhttp://bit.do/Narnia-Bottega-Day6


spacerspacer
La Newsletter?
Scrivi la tua email!
© 2006 LA BOTTEGA D’EUROPA · Via Mauro Morrone, 25/27 - 00139 Roma
Tel/Fax: ++39-06-87132317 - PI 04916641006 - botteuro@labottegadeuropa.it